Tu sei qui: Portale Pasquarella
Il Museo

Museo multimediale delle Terrecotte di Castel Viscardo...continua

Mangiare, dormire e shopping

Questo è l'elenco completo delle strutture ricettive...continua

 

La Pasquarella

Il termine “Pasquarella” deriva dall’Epifania o prima pasqua, in quanto l’Epifania è considerata la prima festa che si celebra dopo l’inizio del nuovo anno. Questa tradizione è conosciuta e diffusa in altre zone dell’Umbria e del Lazio, in particolare in tutta la Valnerina, soprattutto nei dintorni di Cascia, e nel Leonessano.  

I canti generalmente sono composti come semplici laudi sacre, arricchendosi poi d’appendici ed immagini profane o bizzarre e si concludono sempre con l’augurio di buone feste o con la richiesta di doni e di cibo.

La nostra “Pasquarella” è di un autore ancora ignoto ed oggi si distingue per essere suonata e cantata nelle vie e nei poderi del paese nella sola notte dell’Epifania.

Anticamente a Castel Viscardo le questue erano compito di una speciale Opera Pia chiamata del Purgatorio, mirata alla raccolta di elemosine da utilizzare per la celebrazione di messe per la salvezza delle anime dei defunti del paese. I documenti di questa Opera Pia sono conservati nell’Archivio storico parrocchiale, a partire dal 1766. L’Opera aveva un responsabile laico, definito Signore del Purgatorio, il quale svolgeva le sue mansioni periodicamente; nella maggior parte dei casi cambiava ogni anno ed era responsabile dell’officio di amministrazione che si apriva nel mese di maggio e terminava nel periodo pasquale o comunque nel mese di aprile dell’anno successivo.In passato, questa Opera faceva delle questue più volte l’anno: nell’Epifania, a Carnevale, nella Quarta Domenica di Quaresima, a Maggio, raccogliendo denaro, generi alimentari (carne porcina, legumi, uova) e legna. In particolare, sono stati ritrovati riferimenti sulla questua di maggio, nell’esecuzione della quale si cantava “Il Maggio”, mentre per quanto riguardava l’Epifania non è stato ancora rinvenuto nessun accenno al canto della “Pasquarella” che si crede tradizione orale più recente. Infatti, i documenti dell’Opera ancora esistenti arrivano solo sino al 1826, riprendendo poi dal 1919 al 1939 per la sola annotazione delle messe celebrate, quindi, senza nessun riferimento alle metodologie di raccolta del denaro.

Tra il XVIII e XIX secolo, oltre alle questue nei periodi segnalati, l’Opera lasciava anche una bussola nei pressi dell’Osteria che periodicamente veniva controllata, annotandone il ricavato. La raccolta dei soldi, oltre alle messe, era necessaria anche per altre tipologie di spese, come ad esempio per: le candele per il SS.mo Sacramento, la cera per l’altare, il frate predicatore di Quaresima e suoi compagni, il pranzo dei religiosi giunti per le confessioni, il sacrestano, il chierico, le vesti degli stessi questuanti che erano di colore nero con cordoni gialli e la loro rifezione (refezione).

 

La Pasquarella (video da youtube)

Ecco il canto nella versione attualmente cantata:

 

Nuove di Pasqua vi portiamo noi


nuove di padri e madri vi portiamo



La prima pasqua che viene dell’anno


si chiama pasquarella epifania

Passa la vecchierella và accattando


con tutta quanta la sua compagnia

Portiamo nuove di vostri parenti


faccian saper che bruciano nel fuoco

E stanno giù in quel fuoco a tutte l’ore


fanno le vive pietre lacrimare

A San Gregorio Benigno e Clemente


un’ora gli pareva trecent’anni

Sento una voce da lontan chiamare


certo mi par che la tua madre sia

Facciamole una messa celebrare


da quelle pene poterla levare

Prega per la tua madre o figlio ingrato


che nove mesi in corpo t’ha portato

Ricorda la tua madre o figlio eletto


che più di un anno t’ha allattato al petto

E verrà il giorno che tu morirai


a casa lascerai l’oro e l’argento

I peggio panni che tu in casa avrai


del corpo tuo saranno il vestimento

Fate la carità se voi potete


che in paradiso la ritroverete

Ma se la carità non ci farete


all’altro mondo ve ne accorgerete

O buona gente vi lasciamo in pace


fate la carità che andiamo via

Col nome di Maria vi lasceremo


e con salute noi ci rivedremo

 

 

Azioni sul documento